Seguici su Fb - Rss

Sabato, 18 Febbraio 2017 18:09
Musical

Jesus Christ trionfa al PalaLuna In evidenza

Video

Ovazioni a scena aperta, la sera della prima per l’opera di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice 

Nell'immagine un monento dello spettacolo con Ted Neeley, nei panni di un Gesù con il volto segnato da profonda malinconia Nell'immagine un monento dello spettacolo con Ted Neeley, nei panni di un Gesù con il volto segnato da profonda malinconia

Jesus Christ Superstar, il capolavoro di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, ha conquistato Assago. Quello che ormai è passato alla storia come uno dei Musical più famosi e amati di tutti i tempi, è ancora uno spettacolo godibilissimo, anzi entusiasmante. Va in scena sino al 26 febbraio al Pala Luna, teatro che sorge alle spalle del Forum di Assago.  Un successo che si rinnova ogni volta che si alza il sipario. È così anche questa volta.

Ted Neeley, un Gesù da record

Un’edizione acclamata dal pubblico con standing ovation finale per tutti i protagonisti, soprattutto per Ted Neeley, un Gesù con il volto segnato da profonda malinconia, un volto che esprime il dolore e la sofferenza.  È tutto lo spettacolo a essere di livello internazionale compreso la sua colonna sonora eseguita interamente dal vivo in lingua originale inglese.

Un cast di eccellente bravura

Il tutto con la regia di Piparo, l’orchestra dal vivo diretta dal Maestro Emanuele Friello incastonata nella scenografia, un ensemble di ventiquattro perfomer tra acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini coreografati da Roberto Croce, e un cast che compete in bravura con lo stesso Ted Neeley. A partire da Giuda interpretato da Feysal Bonciani,  il sacerdote Hannas, Paride Acacia, e Maria Maddalena, Simona Distefano. Della trama è nota, è il periodo vissuto da Gesù dopo il suo ingresso a Gerusalemme, il tradimento di Giuda,  Ponzio pilato che se ne lava le mani.

Erode, paradosso del potere fatuo

Da godere in assoluto il quadro che vede Gesù portato davanti a un Erode, paradosso del potere fatuo. Quel che lega tutto ed è una delle ragioni di un successo straordinario sono canzoni  come “Heaven On Their Minds”, “Pilates’ Dream”, “Ghetsemane (I Only Want To Say”), “What’s The Buzz” e “I Don’t Know How To Love Him”.  Si replica sino al 26 febbraio dal giovedì al sabato alle21, la domenica alle 15,30

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)