Seguici su Fb - Rss

Sabato, 03 Marzo 2018 16:50
Il caso del giorno

Parcheggi metropolitana di Assago, difficile usarli al buio In evidenza

Scarsa illuminazione e orari di apertura sballati limitano l’utilizzo delle aree gratuite e incentivano quelle a pagamento

Nelle immagini lo stato del manto stradale del parcheggio C del Forum di Assago Nelle immagini lo stato del manto stradale del parcheggio C del Forum di Assago

Non si placano le polemiche e le prese di posizione sull’utilizzo dei parcheggi della metropolitana di Assago Milano Forum. Quelli gratuiti aprono troppo tardi e la loro manutenzione non appare, al momento, delle migliori. Manto stradale degradato e scarsa illuminazione sembrano essere le priorità da risolvere. Qui si parla del parcheggio pubblico C, molto vicino alla stazione della metropolitana Assago Milanofiori Forum, che è una delle due fermate di Assago insieme ad Assago Milanofiori Nord.

Parcheggi a raso

Dal 17 luglio 2017, la maggior parte dei parcheggi di Milanofiori, classificati D4 sono diventati a pagamento e costano 0,70 euro l’ora. Un euro al giorno (dalle  7  alle ore 19) dal lunedì al venerdì  costa il parcheggio custodito  in corrispondenza dei capolinea Atm in Viale le Milanofiori e quello di fronte al Carrefour, collegato tramite il tunnel sottostante via Di Vittorio. Sono rimasti gratuiti e aperti dalle 9 del mattino alle 3 del giorno dopo, tutti i parcheggi cosiddetti "a raso", quelli al 1° piano sotto la piazza commerciale della Zona D4 e il parcheggio C in prossimità del Forum, gratuito e non custodito. Il problema è che solo pochi pendolari utilizzano quest’ultimo, che ospita al massimo una ventina di auto al giorno.

Strana apertura

Uno dei motivi dello scarso utilizzo è proprio l’orario di apertura. I pendolari alle 9 sono già in ufficio. Il secondo riguarda l’illuminazione: difficile pensare che con il buio, una ragazza possa avventurarsi in quella specie di terra di nessuno in cui il piazzale si trasforma al calare della sera (basti vedere nella foto in apertura la carcassa dell’auto incendiata che fa bella mostra di se). Orari di apertura sballati e mancanza di illuminazione costringono quindi la maggioranza dei pendolari a utilizzare quelli a pagamento.

Buche e segnaletica

Secondo Davide Gelmini,  “un miglioramento della situazione non può che portare a un utilizzo più massiccio del parcheggio C. Ciò che ne impedisce l’uso è lo stato del manto stradale (presenti buche di dimensioni notevoli), della segnaletica (sia verticale che orizzontale) e l'assenza totale di illuminazione nelle ore serali, ad eccezione dei giorni in cui sono presenti al Forum eventi”. La situazione è stata segnalata al Comune, dal quale sono giunte notizie rassicuranti per quanto riguarda manto stradale e segnaletica. Ancora nulla per quanto riguarda l’illuminazione. Senza la quale appare davvero difficile che l’area possa essere riqualificata.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La sentenza
Il Tar annulla un’ordinanza del Comune e lo condanna al pagamento delle spese

Il Tar annulla un’ordinanza del Comune e lo condanna al pagamento delle spese

L’incendio del magazzino della Cash & Carry spa a Corsico, ha dato vita a un contenzioso sulla rimozione dei rifiuti che si è risolto con la sentenza del tribunale amministrativo

Attualità
Sicurezza stradale
Trezzano: lavori in corso in viale Indipendenza, forti disagi alla circolazione

Trezzano: lavori in corso in viale Indipendenza, forti disagi alla circolazione

Per circa 8 giorni, sarà istituito il senso unico alternato, dal comune consigliano di percorrere la via solo se residenti

Attualità
Interventi edilizi
Scuole a Corsico: la Salma e la Copernico cambiano look

Scuole a Corsico: la Salma e la Copernico cambiano look

Approvati i progetti esecutivi per procedere al bando e assegnare i lavori di ristrutturazione che ammontano a a circa 500mila euro